Fai SHOPPING!

Puoi ricercare tra le attività commerciali del territorio.

Trova la tua STRADA!

Spostati nella mappa

NOTIZIE ED EVENTI

CAPPELLA PORTINARI
Tempo libero
Sabato 26 Novembre 2016

CAPPELLA PORTINARI


Prenota qui la visita guidata a un gioiello del Rinascimento lombardo nella Basilica di S. Eustorgio a Milano accompagnati dal prof. Graziano Alfredo Vergani. Iniziativa nell'ambito di Turisti a km zero. Seguono i dettagli:

 

 

Sabato 26 novembre 2016

 

Milano: CAPPELLA PORTINARI con il prof. Graziano Alfredo Vergani*

 

Quando: ore 14.15 e 16.00 (ritrovo 15 minuti prima) | Durata: 90 minuti

 

Dove: ingresso del Museo di S. Eustorgio, piazza Sant'Eustorgio 3, Milano (MM1 e 3 PiazzaDuomo e tram n. 3)

 

Costo**: 11 € a persona (8 € ridotto over 60 e studenti; 5 € under 14) | Pagamento in contanti al momento della visita

 

Accessibilità: accessibile ai disabili | Organizzatori: MUST Museo del territorio

 

Info: 0396659488 (attivo tutti i giorni ore 10.00-13.00 e 15.00-17.00)

 

Descrizione: la cappella Portinari si trova all'interno della basilica di San Eustorgio a Milano e fu conclusa nel 1468. Si tratta di uno degli esempi più completi e meglio conservati di Rinascimento lombardo dell'epoca di Francesco Sforza. La cappella venne commissionata da Pigello Portinari, direttore della filiale milanese del Banco Mediceo, come sepoltura privata e reliquario per la testa di san Pietro Martire. Vincenzo Foppa fu il responsabile dell'ideazione e della regia della decorazione pittorica. Nel '700 al suo interno fu posta la meravigliosa Arca di San Pietro Martire, un'opera di scultura gotica realizzata da Giovanni di Balduccio in marmo bianco di Carrara, datata 1339. La cappella è stata riaperta nel 2000 dopo nuovi restauri cominciati nel 1989.

 

**La quota di partecipazione comprende anche l'accesso al Museo di S. Eustorgio che potrà essere visitato autonomamente prima o dopo la visita guidata alla cappella.

 

*Il prof. Graziano Alfredo Vergani è docente di Storia dell'arte medievale presso l'Università degli Studi di Macerata e autore di numerose pubblicazioni sull'arte lombarda tra il X e il XIV secolo.

 

Redazione Must.

 

 

SPOTLIGHT