Fai SHOPPING!

Puoi ricercare tra le attività commerciali del territorio.

Trova la tua STRADA!

Spostati nella mappa

NOTIZIE ED EVENTI

MANZU’. L’accento sull’arte
Tempo libero
Sabato 03 Dicembre 2016 - Domenica 26 Febbraio 2017

MANZU’. L’accento sull’arte


Dal 4 dicembre 2016 al 26 febbraio 2017 il museo MUST di Vimercate propone la mostra Manzù. L'accento sull'arte a cura di Valentina Raimondo con 30 opere del grande scultore bergamasco nel 25° anniversario della morte.
Giacomo Manzù è indubbiamente uno degli artisti più significativi della storia dell'arte italiana del XX secolo; insieme ad altri scultori ha saputo proporre e imporre un proprio ideale di forma e di arte indipendentemente dalle mode e dalle tendenze che hanno attraversato il secolo scorso.

 

Date e orari

 

Dal 4 dicembre 2016 al 26 febbraio 2017
Inaugurazione: sabato 3 dicembre 2016 ore 17.00
Orari d'apertura: Mercoledì e giovedì (ore 10.00-13.00); Venerdì, sabato, domenica: (ore 10.00-13.00 e 15.00-19.00)
Aperture straordinarie: 8 dicembre e 6 gennaio (ore 10.00-13.00 e 15.00-19.00); 24 e 31 dicembre (ore 10.00-13.00 e 15.00-18.00); 26 dicembre (ore 15.00-19.00) | Chiusure: 25 dicembre e 1 gennaio

 

Biglietti d'ingresso
5 € intero (museo + mostra)
Scopri qui le riduzioni e le gratuità

 

Dove

 

MUST Museo del territorio, via Vittorio Emanuele 53, Vimercate
Clicca qui per scoprire come raggiungerci e dove parcheggiare

 

Info

 

0396659488 - info@museomust.it
Scarica qui la locandina della mostra e degli eventi collaterali.
Per i giornalisti è disponibile la cartella stampa completa sulla mostra.

 

Visite guidate

 

- ad aggregazione libera: tutte le domeniche alle ore 16.30 | Costo: 2 € + biglietto d'ingresso
- per gruppi e scuole: da martedì a domenica | Costo: 4,50 € a persona (min.15 partecipanti)
Prenotazione obbligatoria al n. 0396659488 | Durata: 1 ora

 

Laboratori ed eventi colaterali*

 

È stato approntato un ricco programma di attività e laboratori per bambini e per adulti, sui temi e sugli aspetti più significativi dell'arte di Manzù e delle opere in mostra al MUST. Scarica qui il calendario completo oppure scorri alla fine della pagina.

 

Presentazione mostra

 

La mostra presenta 30 opere del maestro, provenienti dalla Raccolta Manzù di Ardea della Galleria Nazionale d'arte Moderna e Contemporanea di Roma, da altri musei - Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, Raccolta Lercaro di Bologna, Museo MA*GA di Gallarate, Fondazione Adriano Bernareggi e Collezione UBI Banca Popolare di Bergamo - e da collezioni private. Dalla mostra emerge un racconto sulla carriera di Manzù e sulla sua arte focalizzando l'attenzione su soggetti e nuclei tematici per lui significativi.
Manzù è noto al grande pubblico grazie alle sculture dei Cardinali, un tema che accompagna la sua carriera fin dal 1934 quando per la prima volta l'artista vede a San Pietro due alti prelati seduti ai lati del papa. Il Cardinale seduto è inserito in mostra nella sezione dedicata al rapporto tra Manzù e la chiesa, accanto al grande bassorilievo con il Cardinale Lercaro, il Ritratto di Papa Giovanni XXIII, cui Manzù fu legato da profonda amicizia, alla formella con la Civetta, lavoro per la Porta della Basilica di San Pietro.
La moglie e i figli costituiscono per lo scultore alcuni dei modelli per eccellenza. Ancora una volta è la passione, quella familiare, a muovere l'artista. La mostra, nella sezione Amori di famiglia, presenta due straordinari ritratti di Pio, il figlio tragicamente scomparso nel 1969, accanto a quelli della seconda moglie Inge, musa ispiratrice dell'artista e una delle protagoniste assolute della sua arte, e a quelli dei figli Giulia e Mileto.
Il corpo femminile, la grazia e l'armonia che esso emana, è uno dei temi più ricorrenti nell'opera di Manzù. Da sola nell'intimità, o nell'atto dell'appassionato abbraccio con l'amante, la donna è celebrata dall'artista in moltissime occasioni. Nella sezione Eros e la passione per l'eterno femminino è esposto un gruppo di sculture e disegni raffiguranti gli Amanti, cui si aggiungono le altre sculture con donne in posa, o mentre danzano, o mentre si spogliano.
Il rapporto con la natura nell'opera di Manzù è indagato nella sezione Nature morte, che presenta alcuni dipinti e una Sedia con natura morta, dove il bronzo, materia tradizionalmente pesante, dialoga con la luce e si alleggerisce.
Conosciuto soprattutto per la sua attività di scultore, Manzù è in realtà un artista poliedrico che sperimenta la propria passione attraverso molti strumenti e mezzi. Abile disegnatore e incisore, si applica anche nel campo della pittura, della ceramica e dell'oreficeria. La sezione Giacomo Manzù. L'artista eclettico presenta alcuni autoritratti, accanto a due opere inedite: un Vaso in ceramica del 1946 e un giovanile Dono di nozze in argento sbalzato e ottone.
La mostra propone così un viaggio attraverso l'arte di Manzù, costellata di forti passioni e contrasti. I suoi temi ritornano con costanza nel corso degli anni e si incontrano e scontrano come Eros e Thanatos, passione e morte, due elementi imprescindibili per comprendere la sua poetica. La celebrazione della vita e della morte, la ricerca di una forma riconoscibile eppure astratta, la costruzione della scultura attraverso una materia pesante come il bronzo e la resa leggiadra dello stesso per mezzo della luce, sono tutti elementi della sua opera, facce opposte della stessa medaglia.
Concludono la mostra due filmati, proveniente dagli archivi di RaiTeche. Nel primo Manzù racconta, nella sua casa-laboratorio di Ardea, come nascono le sue opere, mentre nell'altro è ripreso mentre realizza un busto del giovane figlio Mileto.
Per una presentazione più approfondita della mostra clicca qui.
Biografia di Giacomo Manzù.

 

*Eventi. conferenze, laboratori

 

Sabato 14 gennaio | ore 17.00
Giacomo Manzù. Storie di passioni
Conferenza con Valentina Raimondo, curatrice della mostra
Auditorium Biblioteca | Piazza Unità d'Italia 2/g | Ingresso libero

 

Sabato 4 febbraio | ore 18.00
INCONTRO CON L'AUTORE: Alberto Scanzi presenta Manzù. L'arte, la passione, l'impegno politico
Museo MUST | Ingresso libero

 

BABYMUST laboratori per piccolissimi
in collaborazione con Un Po(t) d'Art Artebambini
Info: Età 1-3 anni - Durata: 1 ora - Ore 10.30 o ore 17.00 - Costo: 12,00 € (1 bambino con max 2 genitori, 2° fratellino + 6 €) - Prenotazione al n. 0396659488

 

Domenica 11 dicembre
NATURA IN 3D
Alberi tridimensionali per giocare con le basi
della scultura.

 

Domenica 8 gennaio
conCRETAmente
Un gioca-laboratorio per la libera esplorazione della creta.

 

Domenica 12 febbraio
EMOZIONI SCOLPITE
"Restare di stucco"... le emozioni non sono silenziose!

 

LABOMUST laboratori d'arte
in collaborazione con Rossana Maggi
PER I BAMBINI
Info: Età 4-10 anni - Ore 15.30 oppure ore 17.30 |Durata: 1 ora e ½ | Costo: 7,00 € a bambino | Prenotazioni al n. 0396659488

 

Domenica 18 dicembre
NELLA NOTTE BUIA
Giochiamo con la luce e realizziamo un rosone traslucido ispirato alla "Civetta" di Manzù.

 

Sabato 7 gennaio
INCISIONI PER GIOCO
Un piano per disegnare in libertà e creare stampe

 

Domenica 22 gennaio
1 CONO = 1 SCULTURA
Laboratorio polimaterico ispirato ai "Cardinali" di Manzù

 

Domenica 26 febbraio
NATURA VIVA, NATURA MORTA (CON SEDIA)
Autoritratto fotografico giocando con la scultura

 

PER GLI ADULTI
Info: Durata: 2 ore - Costo: 13,00 € (con piccolo aperitivo di benvenuto) | Prenotazioni al n. 0396659488

 

Venerdi 16 dicembre | ore 18.00
MODELLARE AD ARTE
Breve visita alle sculture in mostra e laboratorio di modellazione.

 

Venerdi 13 gennaio | ore 18.00
INCISIONI PER GIOCO
Laboratorio di incisione e stampa diretta con la tavoletta di argilla.

 

Venerdi 3 febbraio | ore 18.00
NATURA VIVA, NATURA MORTA (CON SEDIA)
Una semplice sedia diventa il pretesto per un insolito autoritratto.

 

Museo Must - Via Vittorio Emanuele II, 53 - 20871 Vimercate (MB)

 

Redazione Must.

 

SPOTLIGHT

[visita guidata] Tutte le domeniche alle ore 16.30 il museo MUST propone una visita guidata...