Fai SHOPPING!

Puoi ricercare tra le attività commerciali del territorio.

Trova la tua STRADA!

Spostati nella mappa

NOTIZIE ED EVENTI

A bocca aperta
Tempo libero
Sabato 27 Settembre 2014 - Domenica 28 Settembre 2014

A bocca aperta


Il 27 e 28 settembre sono in arrivo 3 imperdibili spettacoli/laboratorio per bambini e famiglie tra cibo e teatro in Villa Sottocasa. Segue il programma:


SABATO 27 SETTEMBRE
PRESI PER IL NASO - dai 4 anni

Spettacolo odoroso di teatro cucina e laboratorio creativo di cucina
Sab 27 settembre
Orari repliche: 11.30/15.30/17.30
Durata spettacolo: 40 minuti -durata laboratorio: 60 minuti

Lo spettacolo racconta, attraverso le tecniche del teatro d'attore, delle proiezioni e della cucina, la storia di Ghita, cuoca dei Conti Sottocasa. La storia prende spunto dalla fiaba dei Fratelli Grimm "L'astuta Ghita", una simpatica cuoca golosona che s'infila in un pasticcio da cui riuscirà, però, a cavarsela in modo furbo e molto divertente! L'atmosfera a cui ci siamo ispirate a quella dei film muti dei primi del '900, sia per la scelta registica di non utilizzare la parola, sia per la scelta della colonna sonora che cita grandi classici delle musiche d'autore per pellicola (da Gershwin a Scott Joplin, dalle danze ungheresi di Brahms usate nei film di Chaplin fino ai temi di Hitchcock e alle sigle di notissime serie televisive degli anni '70 e '80).
Durante spettacolo Ghita cucina davvero alcuni alimenti che generano odori, profumi, fragranze, aromi da far venire l'acquolina in bocca. Ed è proprio la stimolazione degli organi sensoriali del pubblico l'obiettivo della piece, che vuole essere non solo una divertente storia da seguire, ma soprattutto un'esperienza sensoriale tutta da annusare! Nel laboratorio a seguire i bambini saranno divisi in due gruppi: prima i bimbi diventeranno i piccoli cuochi di Villa Sottocasa impegnati a cucinare per i nobili padroni un piatto speciale, dell'antica tradizione culinaria brianzola. Successivamente sperimenteranno le suggestioni di uno strumento magico come la lavagna luminosa (usata per le proiezioni delle illustrazioni durante lo spettacolo) per realizzare una tovaglietta utilizzando materiali commestibili come bucce delle cipolle, spezie e bustine di the.


DOMENICA 28 SETTEMBRE
IL SALE DI PREZZEMOLINA - dai 4 anni

Spettacolo sui diritti dei bambini nelle Fiabe di Calvino e laboratorio di scrittura creativa e drammatizzazione
Orari repliche: 11.30/15.30/17.30
durata spettacolo: 35 minuti - durata laboratorio: 50 minuti

Durante lo spettacolo i bambini si abbandonano con la fantasia al racconto di due fiabe tratte da Fiabe Italiane di Calvino: "Bene come il sale" e "Prezzemolina". All'interno delle storie sono molti i diritti dell'infanzia violati e i bambini avranno modo di individuarli grazie ad un suono. Durante il laboratorio che seguirà i bambini saranno chiamati a inventare una nuova storia, a partire da un diritto particolare della Carta dei Diritti dell'Infanzia approvata nel 1989 dalle Nazioni Unite: l'articolo 27, che sancisce il diritto ad essere nutrito. I bambini inventeranno una storia e daranno vita all'azione, utilizzando corpo, movimento e parola in relazione con gli altri. Immersi nel contesto della Villa Sottocasa i personaggi sono ispirati ai protagonisti che l'hanno abitata in passato, cose che i piccoli attori possano conoscere il luogo in cui si trovano e alcuni cenni della sua storia.


DOMENICA 28 SETTEMBRE
IL VIAGGIO DI OLIVIA - dai 4 anni

Viaggio teatrale tra città da mangiare (tratto da Le città invisibili di Calvino) e laboratorio creativo
Orari repliche: 10.30/14.30/17.00
durata spettacolo: 45 minuti - durata laboratorio: 60 minuti

Uno spettacolo onirico e divertente in cui un'attrice racconta la storia di un viaggio fantastico e un'illustratrice dà corpo alle immagini in tempo reale attraverso l'utilizzo di una lavagna luminosa. La protagonista è Olivia, bambina curiosa di conoscere il mondo, che si ritrova a narrare ai piccoli spettatori le strane città che ha visitato durante il suo lungo girovagare e, attraverso il potere del racconto, fa vivere il suo stesso viaggio anche ai bambini che l'ascoltano. Riprendendo il tema del viaggio, nel laboratorio a seguire i bambini saranno coinvolti nella realizzazione della loro città bizzarra, inusuale, con lo scopo di mettere in moto la fantasia di ogni bambino. I bambini potranno utilizzare per creare la loro personale città diversi materiali di recupero e gli ingredienti culinari usati durante lo spettacolo come il sale, il miglio, il riso e lo zucchero. Con l'aiuto delle conduttrici, i bambini daranno forma all'immagine della loro città costruendo tridimensionalmente gli elementi caratteristici della città che si immaginano o desiderano.


PRENOTAZIONE CONSIGLIATA:

tel. 0396659488 oppure CLICCANDO QUI
Numero attivo tutti i giorni dall'8 al 27/09: ore 10-13 e 15-17.30
Ingresso spettacolo adulti € 5,00 / spettacolo + laboratorio bimbi € 5,00
Tutte le attività si svolgeranno in Villa Sottocasa e nel MUST in via Vittorio Emanuele 53 a Vimercate

IMPORTANTE: DURANTE LO SPETTACOLO IL BAMBINO DEVE ESSERE ACCOMPAGNATO DA ALMENO UN ADULTO PAGANTE, PER QUESTO MOTIVO, IL NUMERO TOTALE DI PRENOTATI DOVRÀ INCLUDERE SIA GLI ADULTI CHE I BAMBINI.

Iniziativa a cura di ArteVOX con Luovoblu, MUST e Birbe & Balocchi, nell'ambito di PH Performing Heritage del DCE di Monza e Brianza e di Ville Aperte in Brianza.


COMUNICATO STAMPA

Il progetto "A BOCCA APERTA" è un percorso per bambini e famiglie tra spettacoli teatrali e laboratori
dedicati al tema del cibo e dell'alimentazione, in linea con le tematiche di EXPO 2015, e resi ancora più
originali dalla relazione con il contesto e la storia del luogo in cui verranno realizzati: Villa Sottocasa e il
MUST a Vimercate.
Le attività proposte si articolano in tre differenti spettacoli, ciascuno collegato ad un laboratorio creativo a tema:


1 - PRESI PER IL NASO
Spettacolo odoroso e laboratori di cucina, drammatizzazione e creatività, attraverso l'uso di materiali commestibili sulla lavagna luminosa

drammaturgia e regia: Anna Maini
illustrazioni, scene e animazioni Rossana Maggi
con Marta Galli
produzione ArteVOX Teatro e Luovoblu

Lo spettacolo racconta, attraverso le tecniche del teatro d'attore, delle proiezioni e della cucina, la storia di Ghita, cuoca dei Conti Sottocasa. La storia prende spunto dalla fiaba dei Fratelli Grimm "L'astuta Ghita", una simpatica cuoca golosona che s'infila in un pasticcio da cui riuscirà, però, a cavarsela in modo furbo e molto divertente! L'atmosfera a cui ci siamo ispirate a quella dei film muti dei primi del '900, sia per la scelta registica di non utilizzare la parola, sia per la scelta della colonna sonora che cita grandi classici delle musiche d'autore per pellicola (da Gershwin a Scott Joplin, dalle danze ungheresi di Brahms usate nei film di Chaplin fino ai temi di Hitchcock e alle sigle di notissime serie televisive degli anni '70 e '80).
Durante spettacolo Ghita cucina davvero alcuni alimenti che generano odori, profumi, fragranze, aromi da far venire l'acquolina in bocca. Ed è proprio la stimolazione degli organi sensoriali del pubblico l'obiettivo della piece, che vuole essere non solo una divertente storia da seguire, ma soprattutto un'esperienza sensoriale tutta da annusare! Nel laboratorio a seguire i bambini saranno divisi in due gruppi: prima i bimbi diventeranno i piccoli cuochi di Villa Sottocasa impegnati a cucinare per i nobili padroni un piatto speciale, dell'antica tradizione culinaria brianzola. Successivamente sperimenteranno le suggestioni di uno strumento magico come la lavagna luminosa (usata per le proiezioni delle illustrazioni durante lo spettacolo) per realizzare una tovaglietta utilizzando materiali commestibili come bucce delle cipolle, spezie e bustine di the.


2 - IL SALE DI PREZZEMOLINA
Spettacolo sui diritti dei bambini tratto da "Fiabe Italiane" di Italo Calvino e laboratorio di scrittura creativa e drammatizzazione.

drammaturgia e regia Anna Maini
con Marta Galli
scene e costumi Claudia Botta
produzione ArteVOX Teatro

Durante lo spettacolo i bambini si abbandonano con la fantasia al racconto di due fiabe tratte da Fiabe
Italiane di Calvino: "Bene come il sale" e "Prezzemolina". All'interno delle storie sono molti i diritti dell'infanzia violati e i bambini avranno modo di individuarli grazie ad un suono. Durante il laboratorio che seguirà i bambini saranno chiamati a inventare una nuova storia, a partire da un diritto particolare della Carta dei Diritti dell'Infanzia approvata nel 1989 dalle Nazioni Unite: l'articolo 27, che sancisce il diritto ad essere nutrito. I bambini inventeranno una storia e daranno vita all'azione, utilizzando corpo, movimento e parola in relazione con gli altri. Immersi nel contesto della Villa Sottocasa i personaggi sono ispirati ai protagonisti che l'hanno abitata in passato, cose che i piccoli attori possano conoscere il luogo in cui si trovano e alcuni cenni della sua storia.


3 - CHI TROVA CERCA. IL VIAGGIO DI OLIVIA
Spettacolo tra città da mangiare tratto da "Le città invisibili" di Italo Calvino

drammaturgia Sabrina Visconti e Rossana Maggi
con Sabrina Visconti
illustrazioni e animazioni Rossana Maggi
produzione Luovoblu

Uno spettacolo onirico e divertente in cui un'attrice racconta la storia di un viaggio fantastico e un'illustratrice dà corpo alle immagini in tempo reale attraverso l'utilizzo di una lavagna luminosa. La protagonista è Olivia, bambina curiosa di conoscere il mondo, che si ritrova a narrare ai piccoli spettatori le strane città che ha visitato durante il suo lungo girovagare e, attraverso il potere del racconto, fa vivere il suo stesso viaggio anche ai bambini che l'ascoltano. Riprendendo il tema del viaggio, nel laboratorio a seguire i bambini saranno coinvolti nella realizzazione della loro città bizzarra, inusuale, con lo scopo di mettere in moto la fantasia di ogni bambino. I bambini potranno utilizzare per creare la loro personale città diversi materiali di recupero e gli ingredienti culinari usati durante lo spettacolo come il sale, il miglio, il riso e lo zucchero. Con l'aiuto delle conduttrici, i bambini daranno forma all'immagine della loro città costruendo tridimensionalmente gli elementi caratteristici della città che si immaginano o desiderano.

Fonte Museo Must

Scheda di approfondimento

 

SPOTLIGHT